Il primo profumo al Cacio e Pepe: Paracelso Profumi 1493

Paracelso Profumi 1493 è un nuovo sponsor in Osteria Romana.

Nasce nel 2014 il marchio Paracelso Profumi 1493, dove il disegno e lo studio grafico sono depositati e registrati, per oltre 4 anni sperimentando intensamente, ha creato la prima Essenza al Cacio e Pepe (emblema della cucina romana) e la Papalina a base di incenso Vaticano, uova, pepe rosa, già on line su www.paracelsoprofumi.it

Realizzati anche la Carbonara, la Vaccinara, la Puttanesca, la Gricia, la Matriciana, ed in edizione limitata la Puntarella, che vanno a riformare come per magia il 7, i sette profumi di Roma. Li trovi in centro storico a Modena, da Paprika-Emporio, in Corso Canal Chiaro n.51.

A Roma il numero 7 è famoso nella sua storia, ha un perchè. Perchè è la città dei sette Re, la città dei sette Colli. Le origini di Roma si rifanno al colle Palatino dove, secondo la leggenda, venne fondata la città dal primo Re, Romolo, il 21 aprile del 753 a.C.

Paracelso, invece, medico austriaco del 1493, di famiglia nobile e madre ecclesiastica, ritenuto padre e il più grande alchimista di tutti i tempi, famoso per le sue 7 regole di vita.

La Piramide Olfattiva che produciamo di queste particolari Essenze accordano note di Testa come gli Elemi, il pepe rosa e nero, noce moscata, al Cuore di Incenso e Cipresso e Vetiver, al Fondo legnoso e muschiato,composto da Cedro, ambra grigia, fava tonka, musk, Vaniglia e Cashmeran.

Questa note di Essenze che agiscono nel profumo, hanno un animo ricco e profondo, speziato, intenso. Il loro profumo viene percepito con la parte bassa del corpo, con proprietà spesso rilassanti.

Distendono con armonia dal nervosismo e dall’ansia, tenendo lontane anche le zanzare, grazie all’incenso contenuto, primo nella sua nicchia.

Paracelso nasce nel 1493 a Einsiedeln, nel cantone svizzero di Schwyz. In realtà, il suo vero nome è Philipp Theophrast Bombastvon Hohenheim; tuttavia, egli stesso lo muta in Philippus Aureolus Paracelsus Theophrastus Bombastus: l’appellativo “Paracelsus” costituisce un probabile riferimento al grande medico romano Aulo Cornelio Celso, vissuto nel I secolo, considerato uno dei padri della medicina antica, noto anche per la sua notevole cultura in ogni ambito del sapere e del suo interesse nell’alchimia.